Mar. Nov 24th, 2020

Un duro colpo al giro di vite imposto da Matteo Salvini alla richieste di asilo politico.

“fonti internazionali” che attesterebbero l’assenza di conflitti nei Paesi di provenienza dei migranti che chiedono di rimanere in Italia perché in patria la loro vita è a rischio. Lo chiede la Cassazione esortando i magistrati ad evitare “formule stereotipate” e a “specificare sulla scorta di quali fonti” abbiano acquisito “informazioni aggiornate sul Paese di origine” dei richiedenti asilo.

Una nuova sentenza della Cassazione dà  Per negare l’asilo a un richiedente deve essere provata l’assenza di pericolo nel Paese di provenienza, e così per respingere le richieste non basterà la base di generiche

La decisione della Suprema Corte ha accolto così il ricorso di un pakistano, al quale la Commissione prefettizia di Lecce e poi il Tribunale della stessa città, nel 2017, avevano negato di rimanere nel nostro Paese con la protezione internazionale.

Una decisione presa, secondo il ricorso presentato, “in base a generiche informazioni sulla situazione interna del Pakistan, senza considerazione completa delle prove disponibili”.

Asilo politico, cosa cambia: “Notevole passo avanti”
“Il mio assistito – ha spiegato all’Adnkronos l’avvocato Nicola Lonoce, difensore del pachistano – aveva presentato richiesta d’asilo che era stata respinta, appunto, e che ho impugnato al monocratico di Lecce. Ho adottato questa decisione basandomi sul fatto che le informazioni sui Paesi di provenienza dei richiedenti sulle quali si basano le richieste d’asilo sono troppo generiche.

E non vengono prese in considerazione tutte le prove disponibili per una giusta decisione”.

“Si tratta di un notevole passo avanti per quanto riguarda le richieste di asilo – ha spiegato ancora Lonoce – ci troviamo di fronte a Paesi complessi, con situazioni molto complicate e non ci si può basare su dichiarazioni generiche, senza fare specifici approfondimenti sulla reale situazione del Paese. A questo punto la Cassazione ha deciso che tali ‘formule generiche’ come il richiamo a non specificate ‘fonti internazionali non sono più utilizzabili”.

Come riportano alcune testate giornalistiche nazionali, l’asilo al pakistano era stato negato sulla base di “fonti internazionali” che parlavano di conflitto in Pakistan nelle zone del Fata e del Khyber Pakthunkwa, mentre per la sua regione di provenienza – non citata – si faceva riferimento a fonti Easo, l’Agenzia europea per l’asilo, che comunque definiva la situazione “assai instabile”.

Per la Cassazione, inoltre, è “solo genericamente enunciata” la ragione per cui non è stata riconosciuta “una specifica rilevanza, alla stregua di conflitto generalizzato”, al “suddetto livello di instabilità”.

E non si capisce – si legge ancora nell’ordinanza – “se tale sia l’opinione del tribunale ovvero l’attestazione tradotta dalle suddette fonti”.

Decreto sicurezza, appello di 600 psicoterapeuti a Mattarella: “Disumano”

Asilo politico, un tema di perenne attualità
Il tema “asilo politico” è di strettissima attualità. Quattro giorni fa c’era stata un’altra sentenza a favore di un cittadino gay della Costa d’Avorio, nella quale si stabiliva che per non accettare la sua richiesta di protezione fosse doveroso accertare che nel Paese di origine del migrante non vi fossero leggi discriminatorie nei confronti delle persone omosessuali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *