Ascolta articolo
Tempo di lettura 2 Minuti

Emergenza Covid-19 in Campania: si potranno effettuare solo ricoveri con carattere d’urgenza non differibili. Lo ha deciso la Regione. Sospesi tutti i ricoveri programmati negli ospedali, fatta eccezione per i pazienti onco-ematologici medici e chirurgici, per i quali non ci sarà nessun cambiamento.


In Campania a causa dell’aumento dei contagi da Covid sono sospesi da oggi i ricoveri programmati sia medici che chirurgici nelle strutture ospedaliere pubbliche; analogo provvedimento è stato deciso dall’Unità di Crisi regionale per le attività ambulatoriali negli enti del Servizio sanitario nazionale (ad eccezione di quelle urgenti, nonché di quelle di dialisi, di radioterapia e oncologiche-chemioterapiche). La nota dell’Unità, di Crisi è stata inviata ai direttori generali delle Asl, delle Aziende ospedaliere, delle Aziende ospedaliere universitarie, dell’Istituto per i tumori ‘Pascale’. È possibile effettuare solo ricoveri con carattere d’urgenza ‘non differibili’ e la sospensione è valida per tutti i ricoveri programmati ad eccezione di quelli per pazienti oncologici.

Secondo l’AdnKronos L’unità di crisi della Regione Campania ha disposto alle Asl, Aziende ospedaliere e Aziende ospedaliere universitarie l’attivazione di tutti i posti letto di degenza previsti per l’ampliamento dei posti di degenza, subintensiva e intensiva disponibili su base regionale. La nota urgente è stata diramata ieri ed è stata inviata anche all’Irccs “Pascale” di Napoli. Il piano prevede una disponibilità totale di 301 posti letto per la terapia intensiva, 359 per la subintensiva e 991 posti di degenza ordinaria, per un totale di 1651 posti letto dedicati ai pazienti Covid.

Il piano prevede la seguente distribuzione di posti letto: Asl di Avellino, 13 posti di terapia intensiva, 15 di semintensiva, 30 di degenza ordinaria per un totale di 58 posti letto;
Asl di Caserta, 12 posti di terapia intensiva, 33 di semintensiva, 95 di degenza ordinaria, per un totale di 140 posti letto; Asl Napoli Centro, 82 terapie intensive, 37 semintensive, 103 di degenza, in totale 222 posti; Asl Napoli 2 Nord, 6 terapie intensive, 21 semintensive, 46 di degenza, totale 73 posti; Asl Napoli 3 Sud, 13 terapie intensive, 31 semintensive, 99 di degenza ordinaria, 143 posti totali; Azienda ospedaliera “Cardarelli” di Napoli, 15 terapie intensive, 20 semintensive, 60 di degenza, 95 posti totali; Azienda ospedaliera “San Pio” di Benevento, 16 terapie intensive, 28 semintensive, 45 di degenza ordinaria, 89 posti totali; Azienda ospedaliera “Moscati” di Avellino, 20 terapie intensive, 38 semintensive, 45 di degenza ordinaria, 103 posti totali; Azienda ospedaliera “Sant’Anna” di Caserta, 24 terapie intensive, 10 semintensive, 29 di degenza ordinaria, 63 posti totali; Azienda ospedaliera universitaria “Ruggi” di Salerno, 32 terapie intensive, 16 semintensive, 177 di degenza, 165 posti totali; Azienda ospedaliera “dei Colli” di Napoli, 28 terapie intensive, 53 semintensive, 183 di degenza ordinaria, totale 263 posti; Azienda ospedaliera universitaria “Federico II” di Napoli, 20 terapie intensive, 19 semintensive, 38 di degenza ordinaria, 50 posti totali; Azienda ospedaliera “Vanvitelli”, 6 terapie intensive, 22 semintensive, 50 di degenza ordinaria, per un totale di 50 posti letto.

  La Protezione Civile Regione Campania accanto al FAI per le giornate di primavera.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *