Ascolta articolo
Getting your Trinity Audio player ready...
Tempo di lettura < 1 Minuti

il ministro dell’Istruzione Bussetti  intervistato da Radio Padania, ha sottolineato l’attenzione del governo al sostegno degli studenti disabili. L’impegno del governo sul tema, ha ricordato il ministro è testimoniato anche dall’organizzazione dei 3 corsi di specializzazione che selezioneranno 40mila insegnanti di sostegno in 3 anni. Il primo dei 3 corsi è già in fase di avvio: pubblicato il decreto e i bandi delle Università.

Per partecipare al corso di specializzazione è previsto lo svolgimento di una o più prove scritte/pratiche più una prova orale. 

Per accedere è necessario aver precedentemente superato un test preliminare. La prova preliminare si svolgerà nei giorni 15 e 16 aprile 2019; la mattina del 15 aprile sarà il turno degli insegnanti della Scuola dell’Infanzia, al pomeriggio toccherà a quelli della Scuola Primaria.

Invece, la mattina del 16 aprile sarà il turno dei docenti di Scuola Secondaria di Primo Grado, al pomeriggio toccherà a quelli della Scuola Secondaria di Secondo Grado.

La selezione può essere sostenuta in un solo ateneo.

Il test preliminare consisterà in una serie di 60 quesiti con 5 possibili risposte.

Due le ore a disposizione dei candidati per il completamento.

TFA sostegno:

Per partecipare al test preliminare sono necessari diversi requisiti, insegnanti della Scuola dell’Infanzia e Primaria e quelli richiesti agli insegnanti di Scuola Secondaria di Primo e Secondo Grado.

Ai primi è necessario essere in possesso della Laurea in Scienze della Formazione Primaria o del diploma magistrale.

Per i secondo è condizione fondamentale il possesso dell’abilitazione oppure della Laurea corredata di 24 CFU in discipline antropo-psico-pedagogiche e in metodologie e tecnologie didattiche oppure la Laurea più 3 anni di servizio negli ultimi 8 anche non consecutivi.

  Miur: presentazione ELISA, piattaforma per strategie antibullismo

Infine, per gli Insegnanti Tecnico Pratici (ITP) basta il diploma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *