Ascolta articolo
Tempo di lettura < 1 Minuti

il ministro dell’Istruzione Bussetti  intervistato da Radio Padania, ha sottolineato l’attenzione del governo al sostegno degli studenti disabili. L’impegno del governo sul tema, ha ricordato il ministro è testimoniato anche dall’organizzazione dei 3 corsi di specializzazione che selezioneranno 40mila insegnanti di sostegno in 3 anni. Il primo dei 3 corsi è già in fase di avvio: pubblicato il decreto e i bandi delle Università.

Per partecipare al corso di specializzazione è previsto lo svolgimento di una o più prove scritte/pratiche più una prova orale. 

Per accedere è necessario aver precedentemente superato un test preliminare. La prova preliminare si svolgerà nei giorni 15 e 16 aprile 2019; la mattina del 15 aprile sarà il turno degli insegnanti della Scuola dell’Infanzia, al pomeriggio toccherà a quelli della Scuola Primaria.

Invece, la mattina del 16 aprile sarà il turno dei docenti di Scuola Secondaria di Primo Grado, al pomeriggio toccherà a quelli della Scuola Secondaria di Secondo Grado.

La selezione può essere sostenuta in un solo ateneo.

Il test preliminare consisterà in una serie di 60 quesiti con 5 possibili risposte.

Due le ore a disposizione dei candidati per il completamento.

TFA sostegno:

Per partecipare al test preliminare sono necessari diversi requisiti, insegnanti della Scuola dell’Infanzia e Primaria e quelli richiesti agli insegnanti di Scuola Secondaria di Primo e Secondo Grado.

Ai primi è necessario essere in possesso della Laurea in Scienze della Formazione Primaria o del diploma magistrale.

Per i secondo è condizione fondamentale il possesso dell’abilitazione oppure della Laurea corredata di 24 CFU in discipline antropo-psico-pedagogiche e in metodologie e tecnologie didattiche oppure la Laurea più 3 anni di servizio negli ultimi 8 anche non consecutivi.

  Antonio Costanza di Anffas Sicilia, ha iniziato uno sciopero della fame in difesa del diritto allo studio degli alunni con disabilità siciliani

Infine, per gli Insegnanti Tecnico Pratici (ITP) basta il diploma.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *