Ascolta articolo
Tempo di lettura 3 Minuti

Secondo quando si apprende dal giornale ucraino kyiv: forze russe hanno fatto irruzione a Kiev prima di ripiegare in periferia, affrontando la dura resistenza delle truppe ucraine il terzo giorno dell’invasione ordinata dal presidente Vladimir Putin il 24 febbraio.
Qui l’AFP descrive la situazione, sulla base delle dichiarazioni di entrambe le parti e delle valutazioni dei funzionari della difesa e dell’intelligence occidentali.

Il corpo di un militare russo giace vicino a veicoli militari russi distrutti alla periferia di Kharkiv il 26 febbraio 2022, in seguito all’invasione russa dell’Ucraina. (Foto di Sergey BOBOK / AFP)

Situazione del terreno

Le forze di terra russe si sono spinte in profondità in Ucraina da nord, est e sud, ma hanno incontrato una resistenza da parte delle truppe ucraine la cui intensità ha probabilmente sorpreso Mosca, secondo fonti occidentali.
«La Russia ha fatto dei progressi nelle sue operazioni. Ma l’Ucraina mantiene il controllo delle città chiave», ha detto un funzionario occidentale, che ha chiesto di non essere nominato.
Il funzionario ha affermato che l’esercito ucraino stava offrendo «forte resistenza» nelle città chiave, esprimendo paura per il potenziale uso «indiscriminato» della violenza da parte della Russia se i tempi per l’invasione non fossero stati rispettati.
L’esercito ucraino ha detto che la Russia ha attaccato le truppe su Victory Avenue, che porta al centro di Kiev, ma che l’assalto è stato «respinto».
Finora la Russia non è riuscita a conquistare completamente nessuna città ucraina, anche se le sue forze hanno attaccato Kiev e Kharkiv, che si trova vicino al confine russo.
La Russia ha rivendicato il controllo dei centri urbani meridionali, tra cui Melitopol e Kherson, a nord dell’annessa penisola ucraina della Crimea, ma ciò non è stato confermato dai funzionari occidentali.
Un alto funzionario della difesa degli Stati Uniti ha detto ai giornalisti venerdì che lo slancio dell’avanzata russa, in particolare intorno a Kiev, è rallentato nelle ultime 24 ore.
«Non hanno raggiunto i progressi che crediamo si aspettassero», ha detto il funzionario, parlando in condizione di anonimato.

  Ucraina, lunedì i colloqui di pace tra Mosca e Kiev

Reclami e controdeduzioni

Il conflitto è stato caratterizzato da versioni radicalmente diverse degli eventi da entrambe le parti, con funzionari occidentali che hanno avvertito della prudenza in una guerra che potrebbe essere caratterizzata dalla disinformazione.
«Sulle perdite non abbiamo cifre. Dobbiamo diffidare delle cifre che saranno annunciate da entrambe le parti perché faranno parte della guerra dell’informazione in questo conflitto», ha affermato un ufficiale militare francese, che ha chiesto di non essere nominato.
Il funzionario ha messo in guardia sull’uso frequente sui social media di «immagini d’archivio» che pretendevano di mostrare eventi di attualità.
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha salutato l’eroismo di 13 guardie di frontiera sull’isola di Snake nel Mar Nero che sono state uccise dopo aver presumibilmente detto a una nave da guerra militare russa di «andare a farti fottere» piuttosto che arrendersi.
Mosca, tuttavia, ha affermato che oltre 80 militari ucraini sull’isola si erano arresi e avevano rinunciato alle armi.
L’Ucraina nel frattempo ha affermato che un missile russo aveva colpito i piani superiori di un grattacielo di appartamenti di Kiev, affermando che ciò dimostrava che Mosca stava prendendo di mira direttamente i civili.
Mosca ha negato questo, dicendo di essere stata colpita da un missile della difesa aerea ucraina che aveva funzionato male.
Il ministero della Difesa ucraino ha affermato che 2.800 soldati russi sono stati uccisi, senza fornire prove.
Il ministro della salute ucraino ha dichiarato sabato che 198 civili, inclusi tre bambini, sono stati uccisi finora dalle forze russe.
Mosca deve ancora riferire sulle vittime.

Qual è il prossimo?

Fonti occidentali concordano sul fatto che giorni di aspri combattimenti incombono per il controllo di Kiev con Zelensky – che ha insistito per rimanere nella capitale – in pericolo fisico.
Il funzionario francese ha riaffermato le argomentazioni occidentali secondo cui l’obiettivo di Putin sembrava dividere in due l’Ucraina prendendo il controllo del territorio a est del fiume Dnipro, inclusa Kiev.
«La lotta per Kiev sarà probabilmente piuttosto lunga, distruttiva e mortale. Date le dimensioni di Kiev e l’organizzazione della città, il fatto che gli edifici verranno colpiti sembra quasi inevitabile», ha affermato il funzionario.
La città occidentale di Lviv, dove molti residenti di Kiev e diplomatici stranieri si sono recati in cerca di sicurezza, sembrava al sicuro, almeno per ora.
«Dipenderà dal successo che loro avranno sul fatto che potrebbero potenzialmente spingersi più a ovest», ha affermato il funzionario occidentale, aggiungendo che la sicurezza di Leopoli è stata esaminata da vicino «giorno per giorno».
Nel sud, i russi continuano a spingere verso Kherson, ma stanno anche allargando il fronte, sbarcando forze anfibie a est della Crimea per minacciare Mariupol.
I russi hanno anche cercato di prendere il controllo della centrale idroelettrica di Kakhovka sul fiume Dnipro a nord della Crimea, lanciando attacchi informatici all’impianto, ha affermato il funzionario statunitense.

  Ucraina-Russia:truppe di Mosca nel Donbass

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *