Ascolta articolo
Tempo di lettura < 1 Minuti

Lo comunica il sindacato Flc Cgil a seguito dell’incontro con il Ministero dell’Istruzione: le risorse a copertura del personale scolastico Covid  dovrebbero essere rinnovate anche dopo il 31 marzo.
Allo stato attuale, come confermato da Jacopo Greco, Capo Dipartimento del MI, la copertura finanziaria prevista dalla legge di bilancio consente di prorogare i contratti fino al 31 marzo. Ma nelle ultime settimane il ministero avrebbe monitorato attentamente la situazione. A quanto pare il numero complessivo dei contratti prorogati è di 55.000, la stragrande maggioranza dei quali riguarda i profili Ata. Per la proroga fino a giugno di tutti i contratti mancherebbero all’appello 200 milioni di euro
Il capo dipartimento Greco, d’altra parte – stando al comunicato di Flc Cgil – avrebbe reso noto che il ministero si sta attivando per dare continuità a questi rapporti, anche attraverso interlocuzioni con il MEF per reperire entro il 31 marzo le risorse necessarie.
“Abbiamo accolto con soddisfazione l’impegno del Ministro a reperire ulteriori risorse. Un impegno da sempre sollecitato dalla FLC che da ultimo ha proposto un emendamento al DL sostegni–ter per la copertura del fabbisogno evidenziando la necessità di una soluzione a livello nazionale, senza differenziazioni tra le regioni,” si legge nel comunicato del sindacato.
“Sull’organico Covid abbiamo inoltre chiesto con determinazione la conversione di queste risorse in posti di organico aggiuntivo docente e Ata, come misura che va oltre l’emergenza Covid.

  Pagamento pensioni agosto 2021: anche questo mese, come dall’inizio dell’emergenza coronavirus, l’accredito INPS arriva in anticipo per coloro che ricevono le somme tramite Poste Italiane

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *