Sab. Ott 24th, 2020

“Per me – aggiunge sui social – questo tema rappresenta un’assoluta priorità. In questi mesi è stato costante il contatto con le Federazioni che rappresentano le famiglie degli alunni con disabilità. Anche durante tutto il periodo della didattica a distanza. Abbiamo ascoltato le loro segnalazioni e pianificato insieme forme di intervento”, dice.

“Da Ministra dell’Istruzione e da insegnante di sostegno non posso accettare che si faccia propaganda elettorale, con fake news, tirando in ballo le alunne e gli alunni con disabilità”. Così afferma in una nota, il Ministro dell’Istruzione del Governo Conte, Lucia Azzolina, a seguito di alcune perplessità sollevate dal Centrodestra, sulle modalità di rientro in classe degli alunni speciali.

“Nel Piano per il rientro a scuola presentato il 26 giugno come Ministero ci siamo presi l’impegno, insieme a scuole ed Enti territoriali, di garantire la frequenza scolastica a tutti gli alunni con disabilità. Nelle linee guida per la Didattica digitale integrata abbiamo scritto, con molta chiarezza, che per studentesse e studenti con disabilità della scuola secondaria di secondo grado, nel caso in cui il loro istituto abbia deliberato di adottare una modalità di didattica mista, verrà “privilegiata la frequenza scolastica in presenza” e che ogni decisione dovrà essere presa “d’intesa con le famiglie”. Nelle Ordinanze per gli Esami di Stato abbiamo dato indicazioni specifiche a tutela delle candidate e dei candidati con disabilità. Durante il periodo della didattica a distanza abbiamo predisposto anche un apposito portale web dedicato all’inclusione.

Attraverso uno specifico accordo con il Ministro Manfredi abbiamo anche incrementato i posti delle specializzazioni sul sostegno: solo formando più docenti si potrà aumentare il numero degli specializzati in cattedra”.

“Grazie alla sinergia creatasi con le Associazioni che rappresentano alunni con disabilità, nei mesi scorsi e lungo tutta l’estate, è stato definito il nuovo modello nazionale di PEI (Piano Educativo Individualizzato) che dovrà accompagnare, con tante innovazioni sostanziali, la progettazione dei percorsi inclusivi e che sarà a breve presentato alle scuole italiane, assieme ad apposite Linee guida, dopo un’attesa durata quasi tre anni, causata da una diversa sensibilità delle precedenti gestioni politiche”, questa la conclusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *