Legge 104: bonus bollette, le agevolazioni per i disabili – Il modulo scaricabile in pdf

Chi possiede la Legge 104 può usufruire di molte agevolazioni fiscali .

Sono in vigore alcuni bonus  che utilizzano i soggetti diversamente abili.

Nello specifico ci riferiamo al bonus elettrico riservato alle persone che vertono in gravi condizioni di salute e dunque con disagio fisico.

Tale agevolazioni, specifichiamo che non ha limitazioni reddituali,  comunque bisogna avere dei specifici requisiti.

Il bonus elettrico è fruibile da tutte le persone affette da grave malattia o dai soggetti con fornitura elettrica presso cui viva un soggetto gravemente malato e costretto a utilizzare apparecchiature elettromedicali necessarie per il mantenimento in vita.

Il bonus per disagio fisico può essere cumulato con il bonus per disagio economico in caso di possesso dei requisiti.

Le apparecchiature sopraccitate sono specificate ed elencate nel Decreto del Ministero della Salute del 13 gennaio 2011.

E sono le seguenti:

  • Apparecchiature di supporto alla funzione cardio-respiratoria;
    • Apparecchiature per pressione positiva continua;
    • Ventilatori polmonari;
    • Polmoni d’acciaio;
    • Tende per ossigeno terapia;
    • Concentratori di ossigeno;
    • Aspiratori;
    • Monitor multiparametrici;
    • Pulsossimetri;
  • Apparecchiature di supporto alla funzione renale.
    • Apparecchiature per dialisi peritoneale;
    • Per emodialisi;
  • Apparecchiature di supporto alla funzione alimentare e attività di somministrazione.
    • Nutripompe;
    • Pompe d’infusione;
    • Pompe a siringa;
  • Mezzi di trasporto e ausili per il sollevamento per disabili.
    • Carrozzine elettriche;
    • Sollevatori mobili / A sedile elettrici / A barella elettrici / Fissi a soffitto elettrici;
    • Sollevatori per vasca da bagno.
  • Dispositivi per la prevenzione e la terapia delle piaghe da decubito.
    • Materassi antidecubito.

 Come fare domanda:

Per ottenere il bonus elettrico è necessario presentare  domanda presso il Comune di residenza del titolare della fornitura elettrica (se diverso dal malato) o altro ente designato dal Comune; ovviamente andrà utilizzata apposita modulistica, che potete scaricare  di  seguito.

Bsognerà presentare la seguente documentazione.

  • Certificato Asl attestante:
    • Situazione di grave condizione di salute;
    • Necessità di utilizzare le apparecchiature elettromedicali sopra riportate;
    • Tipologia di apparecchiatura utilizzata e ore di utilizzo al giorno;
    • Indirizzo dove l’apparecchiatura è installata.
  • Documento di identità;
  • Codice fiscale;
  • Modulo B Disagio Fisico compilato.

Non dimenticate che bisogna conoscere anche il codice POD, che identifichi il punto di consegna dell’energia e che si può trovare sull’ultima bolletta; nonché la potenza impegnata o disponibile della fornitura.

Come precisa l’ARERA, “non è possibile utilizzare altre forme di certificazione delle situazioni invalidanti, quali ad esempio i certificati di invalidità civile”. Inoltre non è richiesta la presentazione dell’Isee.

Bonus elettrico per disagio fisico,importo del bonus elettrico per disagio fisico varia in base a parametri legati al consumo e alla potenza dell’apparecchiatura e si suddivide in 3 fasce, che esemplifichiamo nella tabella seguente.

Anno 2018 Fascia Minima Media Massima
Extra consumo rispetto a utente tipo (2700/kWh/anno) Fino a 600 kWh/anno Tra 600 e 1200 kWh/anno Oltre 1200 kWh/anno
Fino a 3 kW 193 € 318 € 460 €
Oltre 3 kW (da 4,5 kW in su) 452 € 572 € 692 €

Il bonus elettrico funziona come sconto diretto dalla bolletta elettrica. L’importo del bonus viene dunque convertito sotto forma di sconto per ogni bolletta. Sul portale SGAte (Sistema di Gestione delle Agevolazioni sulle Tariffe Energetiche) dell’Anci è possibile effettuare una simulazione per avere un’idea di quale bonus spetti più precisamente.

Il bonus elettrico per disagio fisico non ha bisogno di essere rinnovato. L’agevolazione cessa quando s’interrompe l’utilizzo delle apparecchiature elettromedicali per il mantenimento in vita. Tale interruzione andrà al più presto comunicata al fornitore di energia elettrica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *