Ascolta articolo
Tempo di lettura < 1 Minuti

DECRETO IN GAZZETTA UFFICIALE

Con decreto interministeriale del 3 febbraio 2022 è stata disposta l’individuazione delle patologie croniche con scarso compenso clinico e con particolare connotazione di gravità, ai sensi del comma 2 dell’articolo 17, del decreto-legge 24 dicembre 2021, n. 221 per lo svolgimento delle mansioni lavorative in modalità agile fino al 28 febbraio 2022.

L’attestazione è a cura del medico di famiglia, che deve certificare le condizioni di salute che rendono rischioso lo svolgimento dell’attività lavorativa in presenza.

 

Il decreto appena approvato individua due casistiche specifiche

 

  • condizione di fragilità in presenza di esenzione dalla vaccinazione per motivi sanitari e almeno una delle condizioni individuate dal decreto.

Tutte le categorie a) indipendentemente dallo stato vaccinale a.

 

  • condizioni di cui all’Allegato 2 della Circolare della Direzione generale della prevenzione sanitaria del Ministero della salute n. 45886 dell’8 ottobre 2021.

La norma interessa i dipendenti pubblici e privati, che devono ottenere un certificato attestante la condizione di rischio o la disabilità grave .

Nello specifico, la legge specifica che si tratta di patologie croniche con scarso compenso clinico e con particolare connotazione di gravità, in presenza delle quali, fino al 28 febbraio, la prestazione lavorativa è normalmente svolta, secondo la disciplina definita nei contratti collettivi nazionali, ove presente, in modalità agile anche anche attraverso l’adibizione a diversa mansione ricompresa nella stessa categoria o area d’inquadramento, come definite dai contratti vigenti.

  Coronavirus: Chiusa tutta la Regione Lombardia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *