Ascolta articolo
Getting your Trinity Audio player ready...
Tempo di lettura < 1 Minuti

Classe 1978, modella anglo-brasiliana disabile dall’età di 14 anni quando a suo padre partì un colpo dalla pistola che l’ha costrinse a vita alla sedia a rotelle, ha deciso di realizzare una linea di abbigliamento speciale adatto alle esigenze delle donne che hanno gli stessi suoi problemi.

Samanta Bullock, dopo la disabilità   ha saputo ricostruire la sua carriera affermandosi nel mondo del tennis in Brasile (medaglia d’argento nel 2007 alle Pan An Games) e adesso impegnandosi nella moda.

Secondo quanto apprende l’Ansa  Samanta lancerà il suo nuovo marchio che sarà in vendita online sul suo sito dal 15 giugno.

Capi pratici, adattabili, sostenibili, ma soprattutto inclusivi.

E’ questa la priorità della modella che vivendo il problema in prima persona, ha voluto dedicare la sua attenzione alla comodità della moda per chi come lei è costretta a stare seduta tante ore.

“Se ci sono delle modelle disabili in passerella – aveva preannunciato Samanta un anno fa – è importante anche che gli stilisti pensino alla vita delle persone con difficoltà motorie”.

Diversi gli stilisti emergenti che hanno supportato Samanta nel suo progetto: Rua Luja, London Organic, Bekoffee, Caroline, Gunda Hafner, Peter Twiss, Contessina London e Amaelia.

Parte dei ricavi della vendita verrà donato a Motivation, organizzazione benefica che fornisce sedie a rotelle alle persone bisognose in tutto il mondo.

 

  Bimbo autistico, Locatelli: ogni bambino è valore aggiunto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *