Ascolta articolo
Getting your Trinity Audio player ready...
Tempo di lettura 3 Minuti

La Circolare INPS del 23 dicembre 2021 numero 197 ha comunicato gli importi dei trattamenti pensionistici a valere per l`anno 2022 aggiornati a seguito della variazione percentuale dell`indice dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati rilevato dall`ISTAT nel 2021 rispetto all`anno precedente. Il meccanismo di adeguamento delle pensioni, chiamato “perequazione automatica”, tiene conto della percentuale di rivalutazione comunicata con Decreto del 17 novembre 2021 dal Ministro dell`Economia e delle finanze, di concerto con il Ministro del Lavoro e delle politiche sociali, pari all`1,7%. L`adeguamento degli importi ha naturalmente effetto anche sulle pensioni di invalidità e gli assegni riconosciuti a invalidi civili, ciechi e sordomuti. La Circolare INPS del 23 dicembre rende noto che i limiti di reddito in vigore nell`anno corrente, necessari per determinare la spettanza delle pensioni di invalidità, sono aumentati dello 0,4%: 17.050,42 euro il limite di reddito annuo personale previsto per il 2022 per invalidi totali, ciechi civili e sordomuti (nel 2021 corrispondeva a 16. 982,49 euro); 5. 010,20 euro il limite di reddito annuo personale 2022 per invalidi parziali e minori rispetto ai 4. 931,29 del 2021.

Pensione per invalidi e sordomuti euro 291,69 (rispetto ai 287,09 euro del 2021); Pensione per ciechi parziali euro 215,35 (nel 2021 erano 213,08 euro); Al contrario, l`indennità di accompagnamento è riconosciuta senza alcuna condizione economica in misura pari a 525,17 euro mensili a decorrere dal 1° gennaio 2022, rispetto ai 522,10 euro del 2021. Nell`allegato 2 della Circolare INPS, alla tabella M. 1 vengono dettagliati gli importi della pensione di invalidità spettanti nel 2022 ai ciechi civili: Ciechi assoluti ricoverati e con la sola pensione nonché ciechi parziali (ricoverati e non) con la sola pensione, importo mensile di euro 291,69 (287,09 nel 2021) mentre il limite di reddito annuo è 17. 050,42 euro (16.982,49 euro nel 2021); Ciechi assoluti non ricoverati e con la sola pensione, importo mensile euro 315,45 (310,48 euro nel 2021) con un limite di reddito pari ad euro 17. 050,42 (nel 2021 euro 16. 982,49). Per i ciechi civili parziali con l`indennità speciale (erogata a prescindere da requisiti di reddito) quest`ultima è pari ad euro 215,35 euro (213,79 euro nel 2021) mentre la pensione, come analizzato sopra, equivale ad euro 291,69 mensili (287,09 euro per il 2021).

  Bonus psicologo: sarà l’Inps a pagare gli specialisti

L`Assegno a vita per gli ipovedenti gravi (decimisti) è riconosciuto per l`anno corrente pari a 216,49 euro mensili in aumento rispetto ai 213,08 euro del 2021. L`indennità di accompagnamento, riconosciuta indipendentemente dalle condizioni economiche, a beneficio dei ciechi assoluti è pari a 946,80 euro mensili nel 2022 (euro 938,35 nel 2021). I sordomuti titolari della sola pensione hanno diritto nel 2022 ad un assegno mensile di 291,69 euro rispetto ai 287,09 euro dell`anno precedente. Il limite di reddito è pari ad euro 17.050,42 (nel 2021 era fissato a 16. 982,49 euro). Stessi importi pensionistici per i sordomuti titolari dell`indennità di comunicazione (corrisposta a prescindere da qualsiasi requisito di reddito), quest`ultima corrispondente ad euro 260,76 mensili (nel 2021 euro 258,82). La pensione per gli invalidi civili (tabella M.3) è pari ad euro 291,69 (euro 287,09 nel 2021) in presenza di un reddito annuo personale non superiore a 17. 050,42 euro (16. 982,49 euro nel 2021) per: Invalidi civili totali, non ricoverati, con la sola pensione; Invalidi totali, non ricoverati con altri redditi e la sola pensione; Invalidi totali, ricoverati titolari di altro reddito, con la sola pensione; Gli invalidi civili totali destinatari dell`indennità di accompagnamento (euro 525,17 mensili nel 2022) hanno diritto ad una pensione pari a 291,69 euro mensili (287,09 euro nel 2021) in presenza di reddito annuo personale non superiore ad euro 17. 050,42 (nel 2021 euro 16.982,49). A beneficio degli invalidi civili parziali con il solo assegno di assistenza, in possesso di un reddito annuo personale non eccedente i 5. 010,20 euro (4. 931,29 euro nel 2021) spetta un importo mensile di euro 291,69 rispetto ai 287,09 euro dell`anno precedente.

  Napoli, nuovi autobus con rampe per disabili e wi-fi a bordo

Gli invalidi parziali (minori di diciotto anni) con diritto all`indennità di frequenza percepiranno una somma mensile di 291,69 euro in aumentata rispetto ai 287,09 euro del 2021. Gli invalidi civili, i ciechi civili e i sordomuti infra-sessantacinquenni hanno diritto, ai sensi della Legge n. 388/2000, ad un aumento della pensione confermato (rispetto al 2021) in misura pari a 10,33 euro mensili a patto che non si superino i seguenti limiti di reddito (tabella M. 4): L`incremento al milione, applicato a seguito della sentenza della Corte Costituzionale numero 152 del 23 giugno 2020, spetta a invalidi civili totali, sordomuti e ciechi totali, nel rispetto dei seguenti parametri: Importo della pensione pari ad 291,69 euro; Limite di reddito 8.476,26 euro (pensionato solo) o 14. 459,90 euro (pensionato coniugato).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *