Ascolta articolo
Getting your Trinity Audio player ready...
Tempo di lettura 2 Minuti

Il Consiglio dei ministri aveva approvato il 3 novembre 2023 in esame preliminare, due decreti legislativi di attuazione della legge 22 dicembre 2021, n. 227 con la quale il Parlamento aveva delegato il Governo alla revisione e al riordino delle disposizioni vigenti in materia di disabilità per garantire ai disabili il riconoscimento della propria condizione e dei suoi diritti civili e sociali, compresi il diritto alla vita indipendente e alla piena inclusione sociale e lavorativa, nel rispetto dei principi di

autodeterminazione e di

non discriminazione.

Il provvedimento si inquadra nel programma del PNRR Riforma 1.1 della Missione 5, Componente 2, che prevede l’attuazione di una specifica “Legge quadro per le disabilità”.

ll secondo decreto riguardava invece l’istituzione della Cabina di regia per la determinazione dei livelli essenziali delle prestazioni (LEP) in tema di disabilità.

Nel Consiglio dei ministri del 15 aprile 2024 è giunta l’approvazione, in esame definitivo, del decreto che fornisce la nuova definizione della condizione di disabilità, i criteri per valutazione di base, accomodamento ragionevole e valutazione multidimensionale per l’elaborazione e attuazione del progetto di vita individuale personalizzato e partecipato per le persone disabili.

Dalla bozza ufficiosa del decreto non sembrano esserci modifiche normative riguardanti le agevolazioni garantite ai familiari che assistono persone disabili.

Il decreto entra in vigore il 30 giugno 2024 e per alcuni aspetti parti prevede l’emanazione entro 6 mesi di un decreto ministeriale con disposizioni effettivamente applicabili dal 10 gennaio 2025. Si attende ora la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale.

Il decreto legislativo sulla valutazione e l’assistenza approvato definitivamente il 15 aprile 2024 modifica diverse normative italiane preesistenti riguardanti la disabilità, le prestazioni sociali, e le normative per l’assistenza e l’integrazione delle persone con disabilità.

  Maltempo, critica la situazione nel Nord

 

Ecco un elenco delle principali leggi che subiscono variazioni:

 

Legge 5 febbraio 1992, n. 104 – Modifica significativa della definizione di “persona con disabilità” e delle procedure per l’assegnazione dei sostegni, nonché introduzione di nuove disposizioni relative agli accomodamenti ragionevoli.

Legge 30 marzo 1971, n. 118 – Modifiche relative agli accertamenti dell’invalidità civile.

Legge 27 maggio 1970, n. 382 e Legge 26 maggio 1970, n. 381 – Modifiche agli accertamenti per cecità e sordità civile.

Legge 24 giugno 2010, n. 107 – Modifiche relative agli accertamenti per la sordocecità.

Decreto Legislativo 13 aprile 2017, n. 66 – Integrazione delle disposizioni per l’inclusione scolastica degli studenti con disabilità nel nuovo sistema di valutazione.

Legge 12 marzo 1999, n. 68 – Modifiche alle norme per il diritto al lavoro dei disabili.

Decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali del 26 settembre 2016 – Aggiornamenti sui criteri per la concessione di assistenza protesica sanitaria e riabilitativa.

Come anticipato, le modifiche sono principalmente orientate verso una maggiore integrazione delle persone con disabilità nella società, l’aggiornamento dei criteri di accertamento e valutazione della disabilità, e l’introduzione di misure di sostegno più adeguate e personalizzate.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *